Il video di Matteo in esclusiva su VANITY FAIR

Matteo_Melita_1

Su Vanityfair.it il video del nuovo singolo del crooner italiano «benedetto» da Michael  Bublè, Fiorello e Renzo Arbore, con protagonista la showgirl Melita Toniolo

In anteprima su Vanity Fair. it il  nuovo singolo del crooner italiano Matteo Brancaleoni che anticipa l’uscita del suo nuovo album “Made In Italy” nel quale per la prima volta si cimenta con il repertorio della canzone italiana.

Il brano quasi dimenticato in Italia, fu presentato al Festival di Sanremo del 1968 da Elio Gandolfi in coppia con Shirley Bassey.
Diventato, in inglese, un successo internazionale ed una delle “signature songs” più amate dal pubblico della cantante britannica, da più di 40 anni Dame Bassey chiude i suoi concerti proprio con questo brano. Brancaleoni lo ripropone con un nuovo arrangiamento moderno e accattivante, impreziosito ancor più dall’elegante tromba del jazzista italiano di fama mondiale Fabrizio Bosso.

Il brano è un inno che invita a superare i momenti bui guardando avanti, lasciandosi alle spalle il passato e gli errori, ad essere se stessi per aprirsi all’amore e alla gioia della vita.

IL VIDEOCLIP

Il video, diretto da Luca Zerbini (già regista per Brancaleoni del videoclip di “Copacabana”) vede come protagonista la bellissima showgirl Melita Toniolo nelle vesti della diva degli anni ’50, un po’ musa ispiratrice all’Anita Ekberg.

Il video clip infatti è vuole essere una sorta di omaggio al cinema del grande Federico Fellini. In un susseguirsi suggestive immagini oniriche, di personaggi (ben 23 comparse), scorrono riferimenti iconografici legati alla storia del cinema italiano ed alle sue icone “pop”: dall’Alberto Sordi di “Un Americano a Roma” fino alla conclusione con una reinterpretazione attuale della scena dei baci degli anni ’40 e ’50 censurati di “Nuovo Cinema Paradiso” di Tornatore con quattro coppie di ragazzi italiani di oggi: una etero, una gay, una lesbica ed una mista.

Qui il video:


 

 

No Comments

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.